Editoriale
 
Il valore di una Professione
La crisi economica, come ampiamente dimostrano le statistiche reddituali della nostra Categoria, si è fatta inevitabilmente sentire anche nei nostri studi professionali...
Maria Luisa Campise, Direttore Press
 

La crisi economica, come ampiamente dimostrano le statistiche reddituali della nostra Categoria, si è fatta inevitabilmente sentire anche nei nostri studi professionali. E per di più in un momento nel quale ci trovavamo a fronteggiare, come liberi professionisti, profondi mutamenti strutturali. Ci è sembrato doveroso, quindi, dedicare questo numero di Press interamente alla professione di Commercialista, alla sua evoluzione o, per alcuni versi, alla sua mancata evoluzione, alle difficoltà che, a causa soprattutto del particolare momento storico, quotidianamente soffre. E lo abbiamo fatto non certo per piangerci addosso (non è nel nostro stile!), ma per cercare di individuare, partendo da una accurata analisi della reale situazione di Categoria, la strada da intraprendere per superare questo momento e far sì che una Professione, quale quella di commercialista, continui a crescere non per logiche corporative, ma per la forte valenza sociale e pubblica che essa svolge. Il dato che emerge dai contributi che troverete su queste pagine è chiaro: senza abbandonare il modello tradizionale che ha retto la Professione negli ultimi quarant’anni, occorre ricercare un nuovo modello professionale che non può prescindere da logiche di aggregazione e specializzazione. Se è vero, come è vero, che il sistema imprenditoriale italiano, caratterizzato soprattutto da pmi, ha rappresentato il punto di forza della professione di commercialista, è anche vero che da qualche tempo la difficile loro situazione ne hanno frenato l’evoluzione. Se a questo si aggiunge, poi, la complessa e continua legiferazione in materia economica, fiscale e societaria, che genera, tra l’altro, periodicamente un progressivo aumento dei relativi adempimenti a discapito soprattutto, e contrariamente a quanto in genere si pensa, di noi professionisti oltre che delle imprese nostri clienti, il quadro diventa preoccupante. Ma le opportunità per un’evoluzione naturale della Professione sicuramente ci sono. Certo ognuno deve fare la sua parte. La politica di Categoria deve innanzitutto cercare di promuovere specifiche azioni per tutelare le funzioni storiche e qualificanti della nostra Professione e deve cercare di promuovere progetti innovativi in grado di offrire più opportunità di lavoro per ogni singolo iscritto all’Albo. Come indica, poi, il sociologo Prandstraller “potrebbe essere suggerito al potere esecutivo un sistema obbligatorio di controllo contabile sulle amministrazioni pubbliche, da attribuire ai commercialisti per evitare, tra l’altro, i frequenti abusi contabili ed aver contezza dell’effettiva possibilità della spesa da parte degli Enti”. Questo è solo un suggerimento per facilitare la riuscita di una Professione che non è rivolta solo ed esclusivamente al proprio benessere, ma soprattutto per favorire quello della società in cui opera. In merito mi piace sottolineare le riflessioni del Direttore del Censis, Giuseppe Roma, che ospitiamo in questo numero: “Se lo Stato facesse un passo indietro, demandando ai professionisti, alla loro etica, alla loro deontologia il compito di essere garanti della fede pubblica, avremmo certamente contribuito a realizzare due obiettivi di cui si sente gran bisogno: la semplificazione burocratica e un incremento dell’occupazione qualificata in ambito professionale”.

Condividi su:      

N. 3 - Marzo 2014
 
Editoriale
La crisi economica, come ampiamente dimostrano le statistiche...
 
 
People
Specializzazione, associazione, organizzazione, visione strategica:...
 
 
L'Intervento
I commercialisti sono diventati una professionalità indispensabile...
 
 
È forse tempo che venga constatato che i professionisti hanno...
 
 
La ricerca di un nuovo modello professionale non può prescindere...
 
Pagine < 1 > di 1
Articoli per pagina
© Copyright 2010  CNDCEC  - Piazza della Repubblica n. 59 - 00185 Roma - CF e P.Iva 09758941000 Tutti i diritti riservati Note legali  - Privacy
info@commercialisti.it  | consiglio.nazionale@pec.commercialistigov.it  | credits