Editoriale
 
Alla conquista del mercato globale
Un celebre economista inglese, David Ricardo, asseriva che in un sistema di completa libertà di commercio ogni Paese consacra il suo capitale e la sua industria a ciò che gli pare più utile…
Maria Luisa Campise, Direttore Press
 

Un celebre economista inglese, David Ricardo, asseriva che in un sistema di completa libertà di commercio ogni Paese consacra il suo capitale e la sua industria a ciò che gli pare più utile. Il punto di vista dell’interesse individuale s’accorda perfettamente col bene universale di tutti. Il fenomeno della globalizzazione dei mercati parte certamente dal presupposto che ogni Nazione promuove la propria economia verso l’esterno nell’intento di migliorare la propria condizione interna, così come ogni impresa sviluppa la propria iniziativa verso i bisogni della collettività alla quale essa si rivolge auspicando un ritorno di profitto da destinare al proprio autosostentamento. Il mercato oggi più che mai è da considerarsi non più protetto dai limiti geografici di un territorio o da quelli politici di un Paese, ma al contrario sempre più aperto e vocato ad una osmosi di esperienze, condizioni e fattori diversi che lo rendono un unico indistinto contesto all’interno del quale si muovono continuamente gli equilibri tra domanda ed offerta. L’imprenditore ha, quindi, maturato una nuova esigenza, quella di affrontare uno scenario che evolve inarrestabile verso direzioni non sempre prevedibili, ma in ordine alle quali diventa imprescindibile porre attenzione per non rischiare di vedere preclusa la prospettiva di sviluppo dei progetti dell’impresa stessa. Parimenti all’evoluzione delle logiche di gestione aziendale è necessario che anche i professionisti si adattino a svolgere quelle funzioni di ausilio e di consulenza che con innovata condizione e capacità contribuiscano alla crescita del soggetto economico da assistere. Una grande opportunità di allargare gli orizzonti delle attività professionali è pronta per essere colta da parte degli esperti delle discipline economico-contabili, che avranno occasione di svolgere un ruolo di primo piano nell’accompagnare le proprie aziende clienti intenzionate ad affrontare l’articolato percorso di sbarco sui mercati esteri. Nel presente numero della rivista abbiamo raccolto le esperienze ed i suggerimenti di commercialisti che a vario titolo si occupano di materie correlate all’internazionalizzazione e che potranno offrire lo spunto ad altri colleghi di cimentarsi nell’approfondimento delle tematiche illustrate. Un’importante considerazione è anche legata alla necessità di costituire progetti di reti professionali che siano occasione oltre che di confronto inter partes anche di sviluppo di iniziative di aggregazione per le imprese italiane, alle quali possono essere in tal modo rese disponibili competenze multispecialistiche. 

 

Condividi su:      

N. 2 - Febbraio 2014
 
Editoriale
Un celebre economista inglese, David Ricardo, asseriva che in...
 
 
Presentazione
Il processo di internazionalizzazione delle imprese è estremamente...
 
 
L'Intervento
La sfida ai mercati internazionali è da considerarsi una opportunità...
 
 
Tra le numerose variabili da tenere presente è fondamentale...
 
 
Il fabbisogno finanziario è uno degli elementi discriminanti...
 
Pagine < 1 > di 1
Articoli per pagina
© Copyright 2010  CNDCEC  - Piazza della Repubblica n. 59 - 00185 Roma - CF e P.Iva 09758941000 Tutti i diritti riservati Note legali  - Privacy
info@commercialisti.it  | consiglio.nazionale@pec.commercialistigov.it  | credits