Dettaglio Articolo Focus Legislativo
FISCO, un’interrogazione per l’aggiornamento dei software tributari

Il sottosegretario all’Economia Alberto Giorgetti è intervenuto in Commissione Finanze della Camera in risposta all'interrogazione in merito all’aggiornamento dei programmi informatici relativi agli studi di settore per la compilazione del modello Unico (n. 5-00158), a firma dell’on. Zanetti (SCpI) ed altri.

L’obiettivo degli interroganti è stato quello di chiedere quando saranno disponibili gli aggiornamenti dei software degli studi di settore per la compilazione del modello UNICO 2013 ovvero, in caso di ritardo, che venga concessa tempestivamente la proroga della prossima scadenza del 16 giugno 2013 per il pagamento delle imposte dovute a saldo per il 2012 e l'eventuale prima rata di acconto per il 2013, al fine di evitare le problematiche intercorse negli anni pregressi.

Il rappresentante del Governo ha chiarito che l'Agenzia delle entrate , in via preliminare, ha specificato che i decreti legge n.98 e 138 del 2011 hanno introdotto e modificato il comma 1-bis dell'articolo 1 del decreto del Presidente della Repubblica n.195 del 1999 che, nella versione vigente, prevede che «Eventuali integrazioni, indispensabili per tenere conto degli andamenti economici e dei mercati, con particolare riguardo a determinati settori o aree territoriali, o per aggiornare o istituire gli indicatori di cui all'articolo 10-bis della legge 8 maggio 1998, n.146 devono essere pubblicate in Gazzetta Ufficiale entro il 31 marzo del periodo d'imposta successivo a quello della loro entrata in vigore».

In particolare, è stata prevista la possibilità di apportare a tutti gli studi di settore le opportune integrazioni, necessarie per tenere conto degli andamenti economici e dei mercati, con particolare riguardo a determinati settori o aree territoriali, o per aggiornare o istituire gli indicatori di cui all'articolo 10-bis della legge 8 maggio 1998, n.146, entro il 31 marzo dell'anno successivo a quello per il quale entrano in vigore le integrazioni stesse.

In attuazione delle disposizioni relative all'approvazione degli studi di settore, contenute nel citato decreto del Presidente della Repubblica n.195 del 1999, con i decreti ministeriali 28 dicembre 2012 sono state approvate le evoluzioni riguardanti 68 studi di settore in vigore dal periodo d'imposta 2012.

Successivamente, con i decreti ministeriali del 21 e 28 marzo 2013 sono state introdotte le integrazioni previste dal comma 1-bis dell'articolo 1 del decreto del Presidente della Repubblica n.195 del 1999.

Inoltre, sulla base delle analisi effettuate con il supporto della SOSE, tenuto conto del parere della Commissione degli esperti per gli studi di settore del 4 maggio 2013, è stato predisposto il decreto ministeriale di approvazione della «revisione congiunturale speciale» per il periodo d'imposta 2012; in particolare, sono stati elaborati specifici fattori correttivi applicabili a tutti i 205 studi di settore in vigore per l'annualità 2012.

Il citato decreto è in via di emanazione.

Avvenuta la pubblicazione, si procederà ad approvare con provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate e pubblicare sul sito internet dell'Agenzia, ai sensi dell'articolo 1, comma 361, della legge n.244 del 2007, i modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione degli studi di settore per il periodo d'imposta 2012.

Contemporaneamente, si procederà a pubblicare sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate il software GERICO 2013, contenente, tra l'altro, i 68 studi di settore evoluti approvati con i decreti ministeriali 28 dicembre 2012, gli adeguamenti agli interventi modificativi degli studi di settore previsti dai decreti ministeriali 21 e 28 marzo 2013, nonché gli adeguamenti agli interventi correttivi finalizzati ad adeguare le risultanze degli studi di settore in vigore per il periodo d'imposta 2012 agli effetti della congiuntura economica negativa, in fase di approvazione.

L'elaborazione del software GERICO 2013, dunque, ha la necessità di tenere conto delle modifiche e degli interventi, approvati e da approvare con i citati decreti ministeriali.

In particolare, l'applicazione degli studi di settore per il periodo d'imposta 2012, attraverso il citato software, senza la previsione degli specifici fattori correttivi individuati nella «revisione congiunturale speciale» potrebbe determinare una sovrastima dei ricavi o compensi attribuibili ai contribuenti.

Pertanto, ha proseguito il Sottosegretario, l'Agenzia delle Entrate ha reso disponibile una prima versione beta del software GERICO nello scorso mese di marzo: l'applicazione già gestiva le diverse modifiche agli studi di settore, sino a quella approvata con il decreto ministeriale 28 marzo 2013. Successivamente, in data 16 maggio 2013, è stata pubblicata nella sezione relativa agli studi di settore del sito internet dell'Agenzia delle Entrate, una versione «completa» della procedura.

Inoltre, l'Agenzia fa presente che i modelli degli studi di settore, in versione bozza, sono già disponibili sul citato sito istituzionale dell'Agenzia.

 

© Copyright 2010  CNDCEC  - Piazza della Repubblica n. 59 - 00185 Roma - CF e P.Iva 09758941000 Tutti i diritti riservati Note legali  - Privacy
info@commercialisti.it  | consiglio.nazionale@pec.commercialistigov.it  | credits